Martedì 15 marzo 2011

E' il giudice che qualifica il reato come comune o ministeriale

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 10130 dello scorso 11 marzo, la Cassazione ha statuito che spetta al pubblico ministero ed al giudice qualificare il reato come comune o ministeriale. E nell'ipotesi in cui i magistrati decidano che l'imputato debba rispondere di un reato comune cade l'obbligo di informare la Camera competente.

Nel caso esaminato, è stato respinto il ricorso presentato dall'ex ministro Clemente Mastella avverso la decisione con cui il Gup di Napoli, ritenendo che il reato di tentata concussione e abuso d'ufficio dovesse essere considerato crimine comune, aveva escluso che a esprimersi sulle accuse dovesse essere il Collegio per i reati ministeriali.

In ogni caso – spiega la Corte – la Camera ha comunque la facoltà, in presenza dei presupposti e qualora ritenga che siano state lese le sue prerogative, di intervenire attraverso lo strumento del conflitto di attribuzione.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS