Mercoledì 2 dicembre 2009

Diritto ai danni morali a causa della trasfusione con sangue infetto

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha pronunciato sentenza di condanna ai danni dell’Italia in quanto le autorita' dello Stato hanno violato il diritto alla vita dei cittadini e il loro diritto a non essere discriminati. Il ricorso era stato inoltrato da sette pazienti, accusando le autorita' sanitarie di non aver svolto i necessari controlli, che avevano contratto l’Aids e l’epatite C dopo aver effettuato delle trasfusioni di sangue, rivelatosi infetto, per curare la talassemia. La Corte di Strasburgo ha evidenziato che l’art. 2 della convenzione dei diritti dell’uomo, relativo al diritto alla vita, obbliga gli stati membri ad adottare azioni a garantire la vita dei malati qualora si rechino presso strutture pubbliche o private. Inoltre dovra' essere assicurato un sistema giudiziario efficiente al fine di stabilire le cause delle infezioni contratte. Quindi per la violazione della Convenzione l’Italia dovra' versare 39.000 euro ad ogni ricorrente a titolo di danni morali, mentre per quelli materiali la Corte si e' riservata la decisione.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, p. 39 – Infezioni da sangue risarcibili - Castellaneta
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali