Venerdì 24 settembre 2010

Difetto di rappresentanza sanabile in qualsiasi fase e grado

a cura di: eDotto S.r.l.
Ribaltata, da parte della Prima sezione civile della Cassazione – sentenza n. 20052 del 22 settembre 2010 – la decisione con cui i giudici di merito avevano dichiarato inammissibile l'atto di citazione in opposizione a decreto ingiuntivo di un Comune per assenza, agli atti, della delibera che autorizzava il sindaco pro tempore a stare in giudizio in nome e per conto dell'ente. 
L'autorita' giudiziaria di prima facie aveva ritenuto che tale vizio fosse insanabile e che, pertanto, passata in decisione la causa, non era possibile un'eventuale rimessione a ruolo della stessa. 
Di diverso avviso i giudici di legittimita' i quali hanno ricordato come ai sensi delle piu' recenti interpretazioni giurisprudenziali e della nuova disciplina processuale civile, il giudice, una volta rilevato un difetto di rappresentanza assistenza o autorizzazione e' tenuto ad assegnare un termine per la regolarizzazione della costituzione in giudizio. E cio' – conclude la Corte - “in qualsiasi fase e grado del giudizio e indipendentemente dalle cause del predetto giudizio, assegnando un termine alla parte che non vi abbia gia' provveduto di sua iniziativa, con effetti ex tunc, senza il limite delle preclusioni derivanti da decadenze processuali”.
Fonte: Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, p. 39 - Sanatoria ampia sugli errori - Negri
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS