Giovedì 16 giugno 2011

Dichiarazione di irreperibilita' del teste solo dopo approfondite ricerche

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con sentenza n. 24039 depositata lo scorso 15 giugno 2011, ha cassato la decisione con cui la Corte d'appello aveva condannato un uomo, per spaccio, sulla base delle dichiarazioni fornite, durante la fase delle indagini, da un testimone che si era poi reso irreperibile in sede di dibattimento.

L'imputato si era rivolto ai giudici di legittimità lamentando una lesione al principio del contraddittorio in quanto, nella specie, non erano stati disposti tutti gli accertamenti che risultavano necessari al pieno rispetto dei diritti della difesa; ed infatti, l'irreperibilità del teste non poteva essere considerata oggettiva, involontaria e imprevedibile in quanto lo stesso era stato cercato soltanto nel luogo del suo ultimo domicilio.

Doglianza, questa, accolta dalla Suprema corte la quale ha sottolineato che l'irreperibilità del teste può essere dichiarata solo quando siano risultate infruttuose le ricerche previste per l'imputato dall'articolo 159 del Codice di procedura penale nonché tutti gli accertamenti che si rendano “congrui alla peculiare situazione personale quale risultante dagli atti, da deduzioni specifiche delle parti, dall'esito dell'istruttoria nel giudizio”. Inoltre – continua la Corte – spetta al giudice di merito valutare e motivare la ragionevole impossibilità di svolgere ulteriori efficaci ricerche.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS