Lunedì 21 gennaio 2013

Danno da mancato godimento dell’immobile solo se l’abbandono della casa e' necessitato

a cura di: eDotto S.r.l.
Con la sentenza n. 22923 del 13 dicembre 2012, la Corte di cassazione ha sottolineato come il diritto al risarcimento del danno da mancato godimento dell'immobile può essere riconosciuto al singolo condomino il cui appartamento sia stato reso inabitabile da inesatta esecuzione di lavori condominiali a patto che venga fornita la prova del fatto che lo stesso condomino sia stato costretto ad abbandonare l’appartamento perché divenuto insalubre e radicalmente inabitabile a causa delle infiltrazioni provenienti dalle reti fognarie condominiali e dei connessi fenomeni di presenza di muffe. Nella specie, il condomino aveva allegato esclusivamente alcune argomentazioni e comunicazioni di dati fornite dal consulente di parte omettendo, tuttavia, di trascrivere integralmente tali elementi ritenuti decisivi, in violazione dei principi desumibili dall’articolo 366 n. 6 Codice procedura civile.

Ed in ogni caso, alla perizia andava attribuito esclusivamente il valore di indizio: il suo apprezzamento, cioè, andava comunque affidato alla valutazione discrezionale del giudice. In definitiva, non poteva che rilevarsi la carenza di valida prova sul carattere necessitato dell’abbandono e, con esso, sulle condizioni di inabitabilità dell’immobile.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali