CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!
Martedì 26 ottobre 2010

Danno da cose in custodia: va provato il nesso causale tra la cosa e il danno

a cura di: eDotto S.r.l.
In materia di danno cagionato da cose in custodia, per affermare la responsabilita' del custode e' indispensabile che venga accertata la sussistenza di un nesso di causalita' tra la cosa ed il danno patito dal terzo, “dovendo, a tal fine, ricorrere la duplice condizione che il fatto costituisca un antecedente necessario dell’evento, nel senso che quest’ultimo rientri tra le conseguenze normali ed ordinarie di esso, e che l’antecedente medesimo non sia poi neutralizzato, sul piano causale, dalla sopravvenienza di circostanze da sole idonee a determinare l’evento”. In particolare, per far valere una responsabilita' contrattuale o extracontrattuale della Pubblica Amministrazione per insidia o trabocchetto, occorre dimostrare che l’evento dannoso sia causalmente ricollegabile da una situazione di fatto creatrice di un pericolo per l’utente della strada. 
E' il principio ribadito dalla Cassazione nel testo della sentenza n. 20757 del 6 ottobre 2010 con cui e' stato escluso il risarcimento danni richiesti da una donna a carico di un Comune a seguito delle lesioni personali che la stessa si era procurata cadendo dentro una buca presente sul manto stradale. Per la Corte, la donna non aveva fornito la prova del nesso di causalita' tra la buca - la cui presenza, peraltro, non era stata confermata da alcun testimone - e la caduta.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 20757 DEL 6 OTTOBRE 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS