Giovedì 19 novembre 2015

Dal civile una mano al penale: maggior valore al reato fiscale

a cura di: FiscoOggi
Secondo i supremi giudici, le argomentazioni svolte nella decisione d'appello hanno fatto sì che la stessa si tramutasse in un rilevante indizio a discapito del ricorrente.

La sentenza del giudice civile sulla vendita simulata del complesso immobiliare è valida per accertare la commissione del reato di dichiarazione fraudolenta mediante l'utilizzo di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.
Ad affermarlo, la Corte di cassazione, con la sentenza n. 42966 del 26 ottobre 2015.

Il fatto
La vicenda riguarda l'amministratore unico di una società di capitali, operante nel settore della gestione di alberghi e attività di ristorazione, imputato, fra l'altro, del reato di cui all'articolo 2 del Dlgs 74/2000, perché, come emerso in seguito a verifica fiscale effettuata dall'Agenzia delle Entrate, si era avvalso, per evadere l'Iva, di una fattura di importo pari a 8 milioni e 200mila euro, emessa da altra società per operazioni inesistenti e, inoltre, non aveva versato al fisco le somme dovute, negli anni 2007, 2008 e 2009, utilizzando in compensazione crediti Iva non spettanti o inesistenti.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS