Giovedì 29 luglio 2010

Consulta: legittime le norme sulla mancata comunicazione dei dati del trasgressore

a cura di: eDotto S.r.l.
La Consulta, con ordinanza n. 286 del 28 luglio scorso, ha ritenuto manifestamente infondata la questione di legittimita' costituzionale sollevata dal Giudice di pace di Recanati con riferimento agli articoli 126-bis, comma 2, e 180, comma 8, del Codice della strada per asserita violazione degli articoli 3, 24 e 27 della Costituzione. Le disposizioni controverse sono quelle che prescrivono al proprietario del veicolo di comunicare le generalita' del trasgressore e, in particolare, l'irrogazione di una elevata sanzione per chi ometta, senza giustificato e documentato motivo, di fornire i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione. 
In particolare, il giudice marchigiano ha lamentato che le norme contestate fossero contrarie al principio di ragionevolezza, non comprendendosi perche' la sanzione andasse applicata ad un soggetto diverso da quello che ha commesso l’illecito; inoltre sarebbe stato ravvisabile anche un contrasto con l’articolo 27, primo comma, della Costituzione, trattandosi di un’ipotesi di responsabilita' oggettiva, nonche' con l’articolo 24, secondo comma perche' “l’imposizione al proprietario dell’obbligo di denunciare il conducente del veicolo responsabile della violazione appare limitare il diritto di difesa del cittadino, risolvendosi in una violazione del diritto “al silenzio””. 
La Consulta, per contro, non ha ritenuto fondate tali questioni ed ha precisato che le attuali disposizioni consentono di “ discernere il caso di chi, inopinatamente, ignori del tutto l’invito “a fornire i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione”, da quello di colui che “presentandosi o scrivendo”, adduca invece l’esistenza di motivi idonei a giustificare l’omessa trasmissione di tali dati”. E' infatti riconosciuta al proprietario del veicolo la facolta' di esonerarsi dalla responsabilita', dimostrando l’impossibilita' di rendere una dichiarazione diversa da quella “negativa”; e l'idoneita' o meno della giustificazione ad escludere la presunzione relativa di responsabilita' a carico del dichiarante – conclude la Corte - “dovra' essere vagliata dal giudice comune, di volta in volta, anche alla luce delle caratteristiche delle singole fattispecie concrete sottoposte al suo giudizio”.
Fonte: CORTE COSTITUZIONALE – ORDINANZA N. 286 DEL 28 LUGLIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report