Lunedì 29 settembre 2014

Congiunti in dichiarazione per scelta: responsabili in solido per dovere

a cura di: FiscoOggi
L’assenza di capi d’imputazione a carico della consorte, non coinvolta a nessun titolo nel procedimento penale del marito, non ha alcun effetto in ambito tributario.

In caso di dichiarazione congiunta dei redditi, anche la moglie risponde dei ricavi in nero contestati dal Fisco all'altro coniuge evasore, non rilevando la circostanza che la prima è estranea alla frode fiscale.
In questi termini ha sentenziato la Corte di cassazione che, con la sentenza 19026 del 10 settembre, nel ribadire un principio fortemente consolidato in tema di dichiarazione congiunta (cfr Cassazione 27005/2007 e 5202/2003), ha ritenuto sussistente la responsabilità solidale, laddove i redditi contestati al marito sono il provento di fatti illeciti, integranti una fattispecie da reato.

Il fatto
Il contenzioso riguarda un commercialista a cui l’ufficio aveva contestato l'omessa contabilizzazione di proventi da attività illecita, consistente in un'operazione di false fatturazioni realizzate nell'interesse di alcune società inattive.
L'accertamento veniva notificato anche alla moglie che si era detta estranea all'attività del marito.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS