Martedì 4 dicembre 2012

Confisca e corruzione. Va provato il nesso tra utilita' e condotta

a cura di: eDotto S.r.l.
Il Tribunale del riesame, nel verificare i presupposti per l'adozione di una misura cautelare reale - nella specie una confisca - non può tenere in considerazione solo l’astratta configurabilità del reato, “ma deve valutare, in modo puntuale e coerente, tutte le risultanze processuali, e quindi non solo gli elementi probatori offerti dalla pubblica accusa, ma anche le confutazioni e gli elementi offerti dagli indagati che possano avere influenza sulla configurabilità e sulla sussistenza del “fumus” del reato contestato”.

In particolare, per quel che riguarda un’accusa per corruzione propria, occorre dimostrare che il compimento dell'atto contrario ai doveri d'ufficio è stato la causa della prestazione dell'utilità e della sua accettazione da parte del pubblico ufficiale, “non essendo sufficiente a tal fine la considerazione della mera circostanza dell'avvenuta dazione”.

Con dette considerazioni i giudici di Cassazione – sentenza n. 46763 del 3 dicembre 2012 – hanno ribaltato la decisione con cui il Tribunale del riesame di Bologna, nell'ambito di un'indagine per corruzione, aveva convalidato la confisca disposta nei confronti dei beni di una società.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS