Mercoledì 6 agosto 2014

Con il concordato preventivo Iva dilazionata, non falcidiabile

a cura di: FiscoOggi
La transazione fiscale può arrivare a un pagamento “rallentato” ma non parziale dell’imposta. Gli intenti dell’istituto, infatti, sono diversi da quelli della legge fallimentare.

In sede di concordato preventivo è legittima la transazione fiscale solo dilatoria del credito Iva, essendo vietato allo Stato membro di disporre una rinuncia generale, indiscriminata e preventiva, al diritto di riscossione dell’imposta, quale risorsa propria dell’Unione europea. È quanto emerge dalla sentenza della Corte costituzionale n. 225 del 15 luglio 2014.

I fatti

Il Tribunale ordinario di Verona è stato investito del giudizio di ammissibilità della proposta di concordato preventivo di una società a responsabilità limitata, che prevedeva il pagamento di tutti i creditori privilegiati e delle spese di procedura (132.034 euro) mediante apporto esterno del socio, con il ricavato della vendita di un bene personale e il pagamento parziale del credito Iva. Quest’ultimo costituiva “questione attinente alla possibilità giuridica di ammettere la società al concordato,” rimessa alla valutazione esclusiva del Tribunale (Cassazione, sezioni unite, sentenza 1521/2013).


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS