Mercoledì 27 gennaio 2010

Commette peculato e non truffa il curatore che si appropria delle somme del fallito

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 3327 depositata il 26 gennaio 2010, ha ribaltato una decisione con cui i giudici di appello avevano mutato il capo di imputazione nei confronti di una donna, curatore in una procedura concorsuale, che si era appropriata di alcune somme approfittando dell'autorizzazione con cui il giudice delegato le aveva consentito di accedere ai conti correnti del fallimento. Mentre in primo grado la curatrice era stata condannata per peculato, in secondo grado la fattispecie di riferimento era stata mutata in truffa con conseguente diminuzione della pena. Per questo motivo, la Procura di Milano aveva fatto ricorso innanzi ai giudici di legittimita' chiedendo, nuovamente, la modifica della condanna.

La Suprema corte, in particolare, dopo aver precisato il discrimine tra le due figure delittuose e spiegato che nel peculato il possesso costituisce un antecedente della condotta di appropriazione mentre nella truffa la condotta e' finalizzata proprio all'impossessamento, ha rilevato la sussistenza del piu' grave reato di peculato ritenendo decisiva la circostanza che la donna avesse approfittato dell'autorizzazione concessagli dal giudice e quindi della disponibilita' giuridica dei soldi del fallimento.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, p. 35 – Il curatore risponde del reato di peculato – G. Ne.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS