Venerdì 18 giugno 2010

Censura per l'avvocato che dopo la rinuncia al mandato difende una parte in conflitto

a cura di: eDotto S.r.l.
Le Sezioni unite della Cassazione civile, con sentenza n. 14617 depositata lo scorso 17 giugno 2010, hanno rigettato il ricorso presentato da un avvocato romano avverso il provvedimento del Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Roma - confermato dal Consiglio nazionale forense - con cui gli era stata irrogata la sanzione disciplinare della censura a seguito del fatto che lo stesso, dopo quaranta giorni dalla rinuncia al mandato professionale conferitogli da un consorzio per la gestione degli acquedotti, aveva inviato a quest'ultimo un atto stragiudiziale di diffida nella qualita' di difensore del Comune e con riferimento ad una controversia per l'affidamento degli impianti e le opere destinate alla distribuzione idrica.

I giudici di legittimita' hanno ritenuto concreta e ragionevole la ricostruzione dei fatti operata dal Consiglio nazionale forense , il quale aveva accertato e motivato l'esistenza di un concreto ed effettivo conflitto tra le parti assistite dall'incolpato; queste ultime, in particolare, erano state riconosciute “come soggetti portatori di interessi contrastanti”.
Fonte: http://static.ilsole24ore.com
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS