Giovedì 29 aprile 2010

Cassazione: esecuzione immediata dell'obbligo di adeguamento alle decisioni della Corte europea

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con sentenza n. 16507 del 28 aprile 2010, ha posto definitivamente fine ad un'annosa vicenda in cui un uomo, condannato in primo grado a 30 anni di reclusione per i reati di omicidio, tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia, si era visto infliggere, nei gradi successivi, la pena dell'ergastolo in forza di una norma di interpretazione autentica che era entrata in vigore il giorno stesso della sua prima condanna.

Per questo, l'uomo si era cosi' rivolto alla Corte europea dei diritti dell'uomo, la quale aveva censurato la decisione dei giudici italiani per violazione degli articoli 6 e 7 della Convenzione: era stato leso, in particolare, il diritto dell'accusato al trattamento piu' lieve e quello al giusto processo; inoltre, per i giudici europei la norma intervenuta, nella parte in cui concorreva a determinare la pena irrogabile, era da considerare di diritto sostanziale e non processuale.

L'interessato ha avanzato ricorso straordinario ex articolo 625 bis Codice di procedura penale chiedendo la revoca della sentenza definitiva pronunciata nei suoi confronti nonche' la riformulazione della decisione. Detto ricorso e' stato accolto e la Corte di cassazione, con la nuova decisione, ha immediatamente pronunciato, in attuazione della decisione della Corte europea, la sostituzione dell'ergastolo con pena non superiore a trenta anni di reclusione. La Cassazione, con l'occasione, ha ricordato come esista, nel nostro ordinamento, un obbligo di dare esecuzione alle sentenze della Corte internazionale, nelle modalita' ritenute opportune. Tale obbligo – concludono i giudici di legittimita' - puo' essere immediatamente assolto intervenendo sulla pena inflitta senza che sia necessaria la celebrazione di un nuovo processo.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS