Lunedì 15 novembre 2010

Calunnia anche con accusa implicita

a cura di: eDotto S.r.l.
La Cassazione penale, con sentenza n. 38644 del 2010, ha accolto il ricorso presentato dalla Procura contro la decisione dei giudici di gravame di assolvere dal reato di calunnia un soggetto che aveva denunciato il curatore fallimentare di truffa, falso e associazione indebita affermando che quest'ultimo aveva sottostimato, in cambio di denaro e a vantaggio della ditta acquirente, il valore effettivo dei macchinari e della merce della societa'. 
Con l'occasione, la Corte di legittimita' ha sottolineato che per integrare il reato di specie, l'accusa nei confronti della vittima puo' essere anche “implicita, formulata mediante espressioni suggestive e tendenziose, purche' dal suo tenore e dal contesto delle circostanze in cui viene formulata emerga la volontaria attribuzione di un fatto costituente reato”. 
Inoltre, perche' possa escludersi la rilevanza penale della condotta - continua la Corte – l'accusa deve essere fondata su circostanze tali “da indurre qualsiasi persona a convincersi della colpevolezza dell'accusato” e non, come nel caso in esame, su semplici ipotesi quale la lettura soggettiva della relazione peritale.
Fonte: Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, p. 12 - Se manca il dolo non c'e` calunnia – Pascasi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali