Lunedì 6 settembre 2010

Atto falso anche se riproduce un documento inesistente

a cura di: eDotto S.r.l.
Sussiste il reato di falso materiale anche quando l'imputato ha riprodotto illegittimamente una copia di un documento inesistente. Lo ha stabilito la sentenza n. 32090 del 20 luglio scorso rigettando il ricorso di funzionario di prefettura che aveva riprodotto la copia di un ordinanza, in realta' mai esistita, per favorire un imprenditore. L'atto era stato creato riportando il timbro e il sigillo della prefettura nonche' una firma illeggibile.

Secondo i difensori del funzionario non esisterebbe il reato di falso materiale di un atto in quanto il documento fittizio non era la riproduzione di un atto esistente ossia "un documento perfetto e definito". La tesi non e' stata accolta dalla Corte di cassazione secondo cui il soggetto ha proceduto fittiziamente alla copia di un atto originale, in realta' non esistente, facendolo uscire dalla sfera individuale dell'autore e quindi idoneo a produrre efficacia nei rapporti con l'ambiente esterno. E' quindi palese la volonta' del soggetto di violare le norme.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 32090 DEL 20 LUGLIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS