Giovedì 16 maggio 2013

Assoluzione dal reato di evasione Iva? Costi da reato comunque indeducibili

a cura di: eDotto S.r.l.
Secondo la Corte di cassazione - sentenza n. 11667 del 15 maggio 2013 - anche se l’imprenditore è stato assolto dall’accusa di evasione Iva, lo stesso non può dedurre i costi effettivamente sostenuti a fronte di una fattura soggettivamente falsa.

Ed infatti, nelle ipotesi di fatturazione per operazione soggettivamente inesistente, la fornitura è acquisita effettivamente dal contribuente, ma la merce viene fornita da soggetto diverso dal fatturante, soggetto che solitamente è fittizio o comunque incapace di svolgere quell'attività. E nella specie, l'Iva che il cessionario assumeva di aver pagato al cedente, non era detraibile in quanto era stata versata ad un soggetto non legittimato alla rivalsa né all'obbligo di pagamento dell'imposta.

Si rammenta che lo scorso anno, in una situazione del tutto analoga, la Suprema corte aveva, per contro, ammesso, con pronuncia n. 10167/12, la deducibilità dei costi da reato, sull’assunto che i beni acquistati non erano stati utilizzati per commettere il reato ma per essere messi in commercio.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS