Giovedì 26 aprile 2012

Associazione mafiosa per l’infermiere del boss

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 5909 del 2012, la Corte di cassazione ha confermato la decisione di condanna per associazione mafiosa disposta dai giudici dei gradi di merito nei confronti di un infermiere che aveva provveduto, per lungo tempo, alla somministrazione di un farmaco antitumorale ad un boss di mafia.

I giudici di legittimità hanno, in particolare, aderito alla qualificazione giuridica del reato per come effettuata dalle Corti di merito, le quali avevano escluso che la condotta dell’imputato potesse ritenersi un favoreggiamento aggravato di cui all'articolo 378, comma 2, del Codice penale.

Nel dettaglio – si legge nel testo della decisione – era da considerare determinante la circostanza che l’accusato, con la sua condotta aveva, da un lato, assicurato al boss il mantenimento della sua capacità gestionale anche nella situazione della latitanza, e dall’altro, aveva anche consentito il mantenimento di alcuni collegamenti epistolari del capo malavitoso.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web