Martedì 17 luglio 2012

Assicurato il privilegio del creditore con il sequestro conservativo dei beni dell’imprenditore

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 28505/12 della Quarta sezione, rafforza la tutela del creditore nel caso si prospetti un reato fallimentare, giustificando il sequestro sul patrimonio dell’imprenditore nel caso di accertata incapienza del patrimonio della società fallita.

Infatti, nell’ipotesi di fallimento di una Srl, con conseguente indagine per ipotesi di bancarotta, da cui emerge la reale incapacità del patrimonio della società a soddisfare le pretese dei futuri creditori, il giudice può sottoporre a sequestro conservativo anche i beni personali dell’imprenditore.

Per i Supremi giudici – qualora si ravvisi l’esistenza di un contesto criminoso in cui è stata commessa la violazione – è necessario “assicurare un privilegio ai creditori da reato” di fronte “all'insorgenza di un rischio di dispersione o diminuzione della garanzia patrimoniale”. Cosa che appunto può essere fatta grazie all’applicazione di un vincolo reale idoneo a garantire la conservazione dei beni “…oltre che in presenza di una situazione che faccia apparire fondato un futuro depauperamento del debitore, anche a fronte di una oggettiva condizione di inadeguatezza del patrimonio del debitore rispetto all'entità del credito”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali