Giovedì 24 marzo 2011

Anche un singolo episodio puo' portare all'abuso dei mezzi di correzione

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 11251 del 22 marzo 2011, la Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da una donna avverso la decisione con cui i giudici di merito l'avevano ritenuta colpevole del reato di abuso di mezzi di correzione o di disciplina in danno della figlia per averla costretta, con la violenza, al taglio dei capelli.

In particolare, la difesa della donna lamentava la contraddittorietà delle motivazioni contenute nella sentenza impugnata anche in considerazione dell'asserita mancata valutazione degli elementi di valenza risolutiva ai fini dell'esclusione dell'ipotesi di reato contestata: mancava, in particolare, il requisito dell'abitualità, essendosi trattato di un episodio isolato, senza contare che, a detta della donna, il fatto doveva essere ricondotto nella giusta dimensione di un incidente di percorso nel naturale rapporto genitore e figlia.

Di diverso avviso i giudici di legittimità secondo cui l'abuso dei mezzi di correzione ben poteva, come nella specie, ritenersi integrato “da un unico atto espressivo dell'abuso, come anche da una serie di comportamenti lesivi dell'integrità fisica e della serenità psichica del minore, indipendentemente dall'intenzione correttiva o disciplinare”. L'atto della donna – continua la Corte – non poteva essere scriminato “dall'esigenza di tosare la figlia recalcitrante, essendo risultato che, all'isterica opposizione della bambina aveva fatto riscontro altrettanta isterica reazione della madre, che, indipendentemente dal luogo di provenienza e dall'ambito culturale della genitrice, aveva inteso proseguire, nelle sue operazioni particolarmente pericolose, al fine di affermare la propria autorità sulla piccola, abusando dei mezzi di correzione e disciplina”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report