Mercoledì 22 dicembre 2010

Accesso abusivo e rivelazione di segreto industriale... ma niente furto

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza depositata lo scorso 21 dicembre 2010, la n. 44840, la Corte di cassazione ha annullato, limitatamente all'imputazione per furto, la decisione con cui i giudici di merito avevano riconosciuto responsabile penalmente l'ex impiegato di una società con funzioni di acquisitore commerciale per essersi fatto trasmettere da un collega, poco prima di dimettersi, una serie di dati e offerte commerciali inerenti a vari clienti dell'impresa. Successivamente, l'uomo sarebbe entrato nel server centrale dell'azienda, spostando altri dati riservati sul proprio indirizzo privato ed utilizzandoli a vantaggio di un'impresa concorrente.

I giudici di legittimità, pur riconoscendo la responsabilità dell'imputato per accesso abusivo a sistema informatico e rivelazione di segreto industriale, hanno escluso la fattispecie contestatagli del furto aggravato in considerazione della mancata perdita del possesso della cosa interessata da parte del legittimo proprietario. Per la Corte, infatti, la condotta di sottrazione di dati, programmi, informazioni aziendali “non è riconducibile alla norma incriminatrice sul furto, in quanto i dati e le informazioni non sono comprese nel concetto, pur ampio, di cosa mobile”.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS