Mercoledì 16 settembre 2009

Un'innominata per la prassi attuativa sullo scudo ter

a cura di: eDotto S.r.l.
Prima annunciata, e' ora diffusa dal sito dell’Agenzia delle Entrate – che ha aperto un apposito Forum, frequentabile dalle osservazioni degli ordini professionali, delle associazioni di categoria e di comuni cittadini - la “bozza” di circolare attuativa sullo scudo fiscale. Titola: “Emersione di attivita' detenute all’estero. Articolo 13-bis del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102.”. Fitte pagine indirizzate a chiarire ambito soggettivo e oggettivo, destinatari e adempimenti (ivi compresi quelli cui e' tenuto l’intermediario abilitato). Per giungere alla regolarizzazione (se le finanze e/o il patrimonio sono in Stati della Comunita' europea o che aderiscono allo Spazio economico europeo) o al rimpatrio (se le finanze e/o il patrimonio sono all'estero, anche in Paesi extraeuropei) delle attivita' detenute al di fuori dello Stato anteriormente al 31 dicembre 2008 (data limite) dai noncuranti “dei vincoli valutari e degli obblighi tributari sanciti dalle disposizioni sul cosiddetto “monitoraggio fiscale” ”. Possono assicurarsi il rimpatrio o la regolarizzazione anche gli eredi. Il versamento di un’imposta straordinaria sulle attivita' finanziarie e patrimoniali detenute all’estero a partire da una data anteriore o corrispondente al 31 dicembre 2008 e l’effettuazione degli adempimenti richiesti per il rimpatrio o la regolarizzazione nell’arco temporale che va dal 15 settembre 2009 al 15 aprile 2010 (articolo 13-bis, comma 6 del DL n. 78/2009 – Legge n. 102/2009), regolarizzano il rapporto tra contribuente e Amministrazione finanziaria. La somma che persone fisiche, enti non commerciali, societa' semplici e associazioni ad esse equiparate (articolo 5 TUIR), fiscalmente residenti nel Paese, sono tenute a saldare al Fisco e' pari al 50 per cento – comprensiva di interessi e sanzioni e senza il diritto allo scomputo di eventuali ritenute o crediti – di un rendimento lordo presunto in ragione del 2 per cento annuo per i cinque anni precedenti. In sostanza, quindi, l’imposta sostitutiva e' pari al 5 per cento delle attivita' finanziarie indicate nella dichiarazione riservata. E il pagamento dell’imposta e' una presunzione assoluta, che non tiene conto del periodo di effettiva detenzione all’estero delle attivita', ne' del reale rendimento conseguito. Tra gli interposti quali destinatari delle disposizioni sullo scudo fiscale vi sono i trust revocabili e tocca in questo caso al disponente effettuare le operazioni di emersione. Non altrettanto puo' valere per i trust irrevocabili, sistemati, perche' ad essi assimilati - qualora non abbiano per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attivita' commerciali - accanto agli enti non commerciali, esclusi dalla opportunita' di cui si argomenta. Non si rimpatriano, ma si regolarizzano, gli investimenti esteri di natura non finanziaria, quali, ad esempio, gli immobili e i fabbricati situati all’estero, gli oggetti preziosi, le opere d’arte e gli yacht. Appresso potranno essere rimpatriati. Al soggetto che intenda aderire, e che e' percio' tenuto a redigere una dichiarazione (che sia conforme al modello approvato con provvedimento agenziale del 14 settembre 2009 e disponibile sul sito delle Entrate), e' “assicurata un’ampia riservatezza” dei dati comunicati all’intermediario. Questi - purche' resieda in Italia o vi abbia una stabile organizzazione - puo' essere un istituto bancario o postale, una SIM o una SGR, o, ancora, una societa' fiduciaria, un agente di cambio, una stabile organizzazione in Italia di banche e di imprese di investimento non residenti. L’effettivo pagamento dell’imposta straordinaria produce l’inibizione dei poteri di accertamento dei competenti uffici in materia tributaria e previdenziale, come pure l’estinzione delle sanzioni amministrative, tributarie e previdenziali relative alle disponibilita' delle attivita' emerse. E’ fuori dall’approfondimento di prassi amministrativa - se non per un breve cenno nel passaggio della circolare: “Cio' tuttavia non comporta la regolarizzazione degli illeciti di qualsiasi altra natura: restano fermi i presidi ordinamentali e le relative sanzioni contenute nella disciplina dell’antiriciclaggio, nonche' in materia di reati, ad eccezione di quelli legati all’infedele o all’omessa dichiarazione dei redditi.” - la questione dell’antiriciclaggio e dell’obbligo di segnalazioni di operazioni sospette per intermediari e professionisti. In attesa che l’Agenzia delle Entrate formuli chiarimenti definitivi.
Fonte: Corriere della Sera, p. 35 – Scudo fiscale, le regole per il rientro - Sensini
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS