CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!
Giovedì 19 maggio 2016

Start up innovative - Qualifica estesa anche alle imprese culturali - Un progetto di legge all'esame della Commissione Cultura della Camera

a cura di: TuttoCamere.it

La qualifica di Start up innovativa potrà essere assunta anche da società che hanno come oggetto sociale esclusivo la promozione dell'offerta culturale italiana.

La nuova figura delle "Start up culturali" è prevista da una proposta di legge di iniziativa parlamentare, recante "Agevolazioni in favore delle start-up culturali e modifiche al D.Lgs. n. 58/1998, in materia di raccolta di capitali tra il pubblico per la valorizzazione e la tutela dei beni culturali" (A.C. 2950).

La proposta di legge - attualmente all'esame della VII Commissione Cultura della Camera dei deputati - è finalizzata alla promozione dell'imprenditoria, in particolare giovanile, nel settore culturale e alla previsione di nuovi canali di raccolta di risorse per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali.

L'articolo 1 reca la definizione di "start-up culturale", inserendola nella categoria delle start-up innovative.
In particolare, si definiscono start-up culturali le start-up innovative che hanno come oggetto sociale esclusivo la promozione dell'offerta culturale italiana, attraverso lo sviluppo, la valorizzazione, la produzione o la distribuzione di prodotti o di servizi innovativi ad alto valore tecnologico, anche mediante l'uso di nuove tecnologie e lo sviluppo di software originali, afferenti a uno o più dei seguenti ambiti: le opere dell'ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all'architettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione.

Si tratta delle opere che, in base all'art. 1, primo comma, della L. 633/1941 sono soggette alla protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio; il  patrimonio culturale italiano (che, ai sensi dell'art. 2 del d.lgs. 42/2004, è costituito dai beni culturali e dai beni paesaggistici).

Dunque, in maniera pressoché analoga a quanto operato per la definizione di start up innovativa turistica, il progetto di legge in commento interviene sull'oggetto sociale costitutivo della start up innovativa culturale, stabilendo, rispetto all' art. 25, comma 2, del D.L. 179/2012, - che, come si è visto, richiede, ai fini della qualificazione dell'impresa come start-up innovativa, quale oggetto sociale esclusivo o prevalente la concomitanza di sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti o di servizi innovativi ad alto valore tecnologico - che l'oggetto sociale esclusivo di una start-up innovativa culturale deve essere la promozione dell'offerta culturale italiana, attuata, indifferentemente, attraverso lo sviluppo, la produzione, la distribuzione, ovvero, la valorizzazione degli stessi prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

L'articolo 2 prevede una serie di agevolazioni per le start-up culturali.

L'articolo 3 inserisce nell'art. 1 del Testo unico delle disposizioni in tema di intermediazione finanziaria (D.Lgs. n. 58/1998, c.d. "T.U.F."), il comma 5-octies.1, che introduce la definizione di "portale per la raccolta di capitali per la valorizzazione e la tutela dei beni culturali": con tale espressione si intende una piattaforma  on line finalizzata alla facilitazione della raccolta di capitale di rischio da parte di start-up innovative culturali e di donazioni "da parte di enti pubblici" che gestiscono beni culturali.

Per scaricare una scheda di lettura del progetto di legge A.C. 2950 clicca qui.


Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS