Martedì 18 maggio 2010

Senato, si analizzano gli emendamenti che modificano arbitrato e termini per l’impugnativa

a cura di: eDotto S.r.l.
Sono piu' di cento gli emendamenti al Disegno di legge sul lavoro che nella seduta di oggi, 18 maggio, saranno sottoposti all’attenzione della commissione Lavoro del Senato, con l’obiettivo di far giungere il testo definitivo in aula gia' la prossima settimana. Fra le principali novita' della proposta di modifica si segnala: - l’estensione dell’arbitrato a tutte le liti, con l’imposizione della scelta della conciliazione gia' al momento dell’assunzione. Cioe', si riconosce al lavoratore del settore privato la possibilita' di firma della clausola compromissoria, con cui si esprime la propria volonta' di ricorso all’arbitrato in occasione di tutte le controversie che dovessero insorgere durante il rapporto di lavoro. Le clausole compromissorie vanno certificate dalle commissioni di certificazione. La novita' annulla la modifica passata alla Camera secondo cui il lavoratore puo' scegliere di volta in volta, in caso di controversia, se ricorrere al giudice o all’arbitrato; - il passaggio del termine da 180 a 270 giorni per il lavoratore che vuole avviare il giudizio contro il licenziamento; pena l’inefficacia dell’impugnativa. Il termine decorre dal deposito in cancelleria della richiesta di tentativo di conciliazione o arbitrato; - la possibilita' di impugnare il licenziamento “a voce” entro i 90 giorni successivi (30 giorni in piu'), se si hanno le prove per rivendicare i propri diritti. Il termine decorre dalla data in cui dovevano essere indicati i motivi. L’onere della prova, in questo caso, viene riconosciuto al datore di lavoro.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 39 – Ricorso entro 90 giorni sul licenziamento a voce – Cavestri, De Fusco
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS