Giovedì 12 maggio 2011

Sanatoria anche nei confronti dell'immigrato che non ha ottemperato all'allontanamento

a cura di: eDotto S.r.l.
L'adunanza plenaria del Consiglio di stato, con due sentenze pressoché identiche, la n. 7 e la n. 8 del 10 maggio 2011, ha spiegato come l'entrata in vigore della normativa comunitaria di cui alla Direttiva n. 2008/115/CE, abbia prodotto l'abolizione del reato di violazione all'ordine di espulsione previsto dall'articolo 14, comma 5 ter, Decreto legislativo n. 286/98. E detta abolizione – continua il Collegio - a norma dell'articolo 2 del codice penale, ha effetto retroattivo, facendo cessare l'esecuzione della condanna e i relativi effetti penali. Per i giudici amministrativi “tale retroattività non può non riverberare i propri effetti sui provvedimenti amministrativi negativi dell’emersione del lavoro irregolare, adottati sul presupposto della condanna per un fatto che non è più previsto come reato”.

Ne discende che non può essere negata, ai lavoratori extracomunitari colpevoli di non essere andati via dall'Italia dopo un provvedimento di espulsione, la sanatoria per la regolarizzazione della propria posizione.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report