Giovedì 9 luglio 2015

Risarcimento per mobbing: spetta al lavoratore l'onere di provare l'esistenza del danno

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13693 del 3 luglio 2015, si e' espressa in tema di risarcimento danni per mobbing in riferimento alla vicenda di un dipendente, sanzionato dal datore di lavoro per i numerosi ritardi sul lavoro.
Dopo attenta analisi la Suprema Corte ha stabilito che non sussistono gli estremi per il suddetto risarcimento in quanto non sussiste alcun intento vessatorio nei confronti del lavoratore.

Ai fini del risarcimento, si legge nella sentenza, "spetta al lavoratore che lamenti di avere subito, a causa dell'attività lavorativa svolta, un danno alla salute, l'onere di allegare e provare l'esistenza di tale danno, come pure la nocività dell'ambiente di lavoro, nonché il nesso tra l'uno e l'altro, e solo se il lavoratore abbia fornito la dimostrazione di tali circostanze sussiste per il datore di lavoro l'onere di provare di avere adottato tutte le cautele necessarie ad impedire il verificarsi del danno e che la malattia del dipendente non è ricollegabile alla inosservanza di tali obblighi".


Fonte: https://www.seac.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS