Giovedì 7 aprile 2011

Regime fiscale di attrazione europea, al via la fase sperimentale a Milano

a cura di: eDotto S.r.l.
Per invogliare gli imprenditori stranieri ad intraprendere attività economiche in Italia, nella manovra estiva dello scorso anno (DL 78/2010) è stata prevista una norma ad hoc. Si tratta dell’articolo 41, che prevede a favore delle imprese di paesi Ue che avviano iniziative economiche sul nostro territorio di poter scegliere il regime tributario (base imponibile e aliquote) di un qualsiasi paese dell’Ue. Esiste una sola eccezione: che non si tratti di regimi agevolativi identificati come “aiuti di Stato”.

Era previsto che le disposizioni attuative di questo provvedimento venissero fissate dal ministero dell’Economia. Ora, proprio il ministro Giulio Tremonti ha dato il via alle consultazioni sullo schema di decreto sul regime fiscale di attrazione europea, che dal giorno 6 aprile è stato pubblicato sul sito internet del Mef.

Si tratta di una bozza di decreto attuativo, suddivisa in 9 articoli, aperta ad ogni sorta di miglioramento o proposta di cambiamento. Per il Ministro si tratta di una sorta di “shopping di regimi fiscali”: infatti, se una norma appare buona in un altro Paese allora si può pensare di usarla anche in Italia. Viene cioè riconosciuta la possibilità agli imprenditori stranieri di poter spaziare tra i 27 regimi fiscali in vigore nell’Unione europea, senza obbligare l’imprenditore straniero che arriva in Italia a dover adottare le norme del Paese di residenza.

La sperimentazione di questa nuova agevolazione partirà dal capoluogo lombardo. A Milano, infatti, in primis, si potrà vedere realizzata la fase attuativa della norma: applicando per un certo tempo e a determinate condizioni le regole fiscali che, per esempio, ci sono in un altro Paese Ue.

Alcuni punti chiave del regime fiscale di attrazione europea riportati nello schema di decreto legge:

- i destinatari dell’agevolazione sono le persone fisiche o giuridiche di uno stato comunitario che sono residenti in Italia da almeno 24 mesi e che qui svolgono attività d’impresa;
- l’inizio dell’attività economica deve essere subordinato al trasferimento della residenza fiscale in Italia o alla costituzione della stabile organizzazione o della società controllata o collegata;
- la richiesta del regime fiscale di un altro Paese deve avvenire tramite istanza di interpello, entro 30 giorni dall’inizio dell’attività economica;
- la scelta dura tre anni dal periodo d’imposta in cui viene presentato l’interpello, dal quarto anno si applica la normativa tributaria dello stato di residenza (in questo caso l’Italia);
- il regime agevolato si potrà estendere, a scelta del lavoratore, anche ai redditi di dipendenti o collaboratori assunti dalle nuove strutture produttive.
Fonte: http://rassegnastampa.mef.gov.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS