Venerdì 4 dicembre 2009

Posizione agenziale sulle stock option

a cura di: eDotto S.r.l.
Nel punto 2.2 della circolare 49/E/2009, dedicata allo scudo fiscale, si chiede di sapere se un contribuente cui sono state assegnate stock option che hanno per oggetto partecipazioni in societa' estere doveva indicarle nel modulo RW nel periodo d’imposta di assegnazione. I titoli o i diritti offerti ai lavoratori dipendenti, che danno la possibilita' di acquistare ad un determinato prezzo azioni della societa' estera con la quale il contribuente intrattiene il rapporto di lavoro o delle societa' controllate o controllanti, vanno indicati nel modulo RW solo nei casi in cui, al termine del periodo d’imposta, il prezzo di esercizio sia inferiore al valore corrente del sottostante. Solo in questo caso il beneficiario dispone, infatti, di un valore all’estero. Ma, se il piano di assegnazione delle stock option prevede che l’assegnatario non possa esercitare il proprio diritto finche' non sia trascorso un determinato periodo (cd. vesting period), le stock option non devono essere indicate nel modulo fintantoche' non sia spirato tale termine, poiche' fino a quel momento il diritto e' soggetto ad una “condizione sospensiva”. L’obbligo di indicazione del modulo RW dei predetti diritti di opzione, in ogni caso prescinde dal circostanza che essi siano o meno cedibili. Questa la presa di posizione delle Entrate. Con cio' afferma esistere un principio autonomo ai fini del monitoraggio fiscale, seguendo il quale si deve prescindere dalla cedibilita' dei diritti di opzione, derivandone che le stock option non cedibili non si qualificano come “valori” o “attivita'” agli effetti delle imposte sui redditi, ma si caratterizzano come tali ai fini delle regole sul monitoraggio fiscale, che sotto l’aspetto interpretativo rinviano alle norme sulle imposte sui redditi. I dipendenti che risiedono in Italia e prestano, o hanno prestato, all’estero la propria attivita' lavorativa, possono regolarizzare i conti aperti oltreconfine senza aderire allo scudo. Possono cioe' (circolare 48/E/2009) sanare le violazioni che hanno commesso per non aver indicato nel quadro RW le somme depositate in banche estere, presentando l’Unico 2009 per le persone fisiche, completo, questa volta, del quadro RW: “…tali soggetti, qualora inadempienti, possono regolarizzare la propria posizione fiscale con riferimento agli anni pregressi, presentando la dichiarazione dei redditi integrativa relativamente al periodo d’imposta 2008 ed indicando nel modulo RW, Sezione II, la consistenza del deposito e/o conto corrente al termine del medesimo anno.”. Ma non oltre il 30.09.2010 e corrispondendo una minisanzione di 26 euro, per la quale si immagina sia da dover utilizzare il codice tributo “8911”, previsto in generale per le sanzioni pecuniarie di altre violazioni tributarie. A partire dall’Unico 2010, presenteranno regolarmente il quadro RW.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 31- Stock option a monitoraggio allargato - Ludovici
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali