Mercoledì 13 gennaio 2010

Per le consulenze e' l'avvocato a dover provare il maggior compenso

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 230 dell'11 gennaio 2010, la Cassazione ha respinto il ricorso di un legale che lamentava di aver ricevuto dai clienti solo una parte del compenso pattuito per la soluzione di una questione stragiudiziale, questione che non era andata del tutto a buon fine; il procuratore aveva fatto istanza ai giudici di legittimita' chiedendo che gli venisse riconosciuto l'intero compenso convenuto. Tuttavia, lo stesso non aveva fornito alcuna notula che spiegasse l'attivita' da lui posta in essere.

In particolare, la Suprema corte, pur ricordando che il rapporto professionale che lega l'avvocato al cliente comporta un'obbligazione di mezzi e non di risultato, con la conseguenza che la prestazione va retribuita a prescindere dall'esito conseguito, ha altresi' ritenuto legittima la retribuzione che, in questo caso, era stata versata al professionista da parte dei clienti: nel'ipotesi in esame - continuano i giudici - spettava al legale provare circostanze specifiche da cui desumere l'attivita' stragiudiziale dallo stesso svolta.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, p. 37 – Onorari, la prova all'avvocato - Galimberti
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web