Mercoledì 3 aprile 2013

Mobbing. Atti vessatori da allegare al ricorso introduttivo

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 7985 del 2 aprile 2013, la Corte di cassazione, Sezione lavoro, ha respinto il ricorso presentato da un uomo che lavorava alle dipendenze di un Comune contro la decisione con cui la Corte d’appello di Perugia aveva rigettato, tra le altre, la domanda dallo stesso proposta e diretta ad ottenere la cessazione di asserite attività vessatorie e mobbizzanti a lui dirette al fine di emarginarlo.

Aderendo alle considerazioni rese dai giudici di gravame, la Suprema corte ha ritenuto inammissibile detta domanda in quanto la stessa era stata presentata per la prima volta in appello; ed infatti, la relativa causa petendi – consistente nell’allegazione di una serie di atti vessatori teleologicamente collegati – ed il petitum – ordine di cessazione - non trovavano riscontro nel ricorso introduttivo del giudizio.

I giudici di legittimità hanno così precisato che perché possa essere lamentato e dedotto il mobbing non è sufficiente fornire la prospettazione di un mero “svuotamento delle mansioni”, occorrendo, per contro, anche l’allegazione di una preordinazione finalizzata all’emarginazione del dipendente.
Fonte: http://appinter.csm.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report