Giovedì 18 ottobre 2012

Malattia professionale da utilizzo protratto del cellulare

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 17438 del 12 ottobre 2012, ha confermato la decisione con cui i giudici di merito avevano condannato l’Inail a corrispondere ad un uomo, lavoratore dipendente che per 12 anni aveva utilizzato il cellulare ed il cordless per 5-6 ore al giorno, la rendita per malattia professionale prevista per l’invalidità all’80%.

Il dipendente aveva agito in giudizio deducendo che, in conseguenza dell’uso protratto di questi apparecchi, aveva contratto una grave patologia tumorale all’orecchio sinistro. Lo stesso aveva prodotto in giudizio una lunga documentazione scientifica, ritenuta utile dai giudici di merito, prima, e dalla Suprema corte, poi, per fondare la sussistenza del requisito di elevata probabilità integrante il nesso causale.

E nel caso di malattia professionale non tabellata o di malattia ad eziologia multifattoriale – precisano i giudici di legittimità – la prova della causa di lavoro, che grava sul lavoratore, deve essere valutata in termini di "ragionevole certezza" nel senso che, esclusa la rilevanza della mera possibilità dell’origine professionale, questa può invece essere ravvisata – come nella specie - in presenza di un elevato grado di probabilità.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS