Venerdì 2 dicembre 2011

Lo stress da ritardo va provato

a cura di: eDotto S.r.l.
Il professionista, al fine di vedersi riconoscere i danni per lo stress subito a causa dell’illegittimo ritardo impiegato dalla Cassa di previdenza privata nell’erogazione della propria pensione, è tenuto ad allegare e provare, in concreto, la lesione sopportata a seguito di violazione dell'integrità psicofisica ovvero di nocumento delle generali condizioni di vita personali e sociali.

Non è infatti sufficiente fare un generico riferimento allo stress conseguente alla necessità di intraprendere un'azione legale in quanto il danno non patrimoniale cagionato da fatto illecito, a diritti inviolabili della persona, non può essere considerato in re ipsa ma solo in presenza della prova di elementi di fatto dai quali desumere in concreto l'esistenza e l'entità del pregiudizio.

Sulla scorta di tali principi, la Corte di cassazione, con la sentenza n. 25691 del 1° dicembre 2011, ha accolto il ricorso presentato dalla Cassa di previdenza dei geometri avverso la decisione con cui la Corte d'appello di Firenze aveva riconosciuto il diritto al risarcimento dei danni da stress, liquidando quindi lo stesso, in favore di un geometra a cui era stata illegittimamente ritardata l’erogazione della pensione.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS