Lunedì 23 febbraio 2015

Legge di stabilita': nuovo regime agevolato per artigiani e commercianti

a cura di: Studio Dott.ssa Giorgia Signaroldi
Legge 23 dicembre 2014 n. 190; INPS, Circolare 10 febbraio 2015 n. 29 L'INPS, con la circolare n. 29 del 10 Febbraio 2015, ha spiegato le modalita' di adesione al regime contributivo agevolato della Gestione Separata INPS, riservato ai commercianti e agli artigiani che hanno aderito al nuovo regime forfettario per Partita IVA, previsto dalla Legge di Stabilita' 2015 (L. 190/2014). In particolare: 1) I soggetti interessati che possono accedere al regime contributivo agevolato i commercianti e gli artigiani, sono i titolari di ditta individuale, comprese quelle organizzate nella forma dell'impresa familiare che abbiano aderito, negli anni precedenti al vecchio regime dei minimi o che abbiano aperto, dal 1 Gennaio 2015, una nuova posizione IVA, rientrante nel nuovo regime forfettario. Sono esclusi, invece, dall'agevolazione, i collaboratori familiari con meno di 21 anni di eta', i titolari di trattamento pensionistico con piu' di 65 anni di eta' e i soggetti che partecipano a societa' di persone o associazioni in partecipazione. 2) Il provvedimento dell'INPS spiega che, per i soggetti destinatari della norma, e' consentito di accedere a un regime contributivo agevolato, in base al quale la contribuzione dovuta alle gestioni artigiani e commercianti viene calcolata sul reddito forfettario conseguito nel periodo d'imposta relativo (attraverso l'applicazione di una percentuale). Cio' implica che non venga previsto un livello minimo imponibile e che il contribuente, relativamente ai contributi previdenziali INPS, non abbia l'obbligo di versare la cosiddetta quota minima ma debba effettuare solo un versamento in acconto e un versamento in saldo, per il quale (saldo) le somme dovute saranno calcolate in base alla dichiarazione dei redditi. Il contribuente sara' tenuto comunque, alla data di scadenza dei due acconti, a versare anche il contributo di maternita', pari a 7,44 euro annui e che verranno corrisposti in due rate uguali di 3,72 euro. 3) Sia i soggetti che esercitano attivita' di impresa dagli anni precedenti, sia i soggetti che hanno optato, dopo il 1 gennaio 2015, per il nuovo regime forfettario potranno presentare domanda, esclusivamente in via telematica, sul sito dell'INPS, dove dovranno seguire il percorso indicato per compilazione della domanda di adesione. La domanda per accedere all'agevolazione puo' essere presentata solo dopo l'iscrizione alla gestione previdenziale. La scadenza per l'invio della domanda e' il 28 Febbraio e vale anche per coloro che non risultano ancora titolari di una posizione previdenziale aperta presso la Gestione Separata INPS. Se la domanda viene regolarmente presentata entro la scadenza dei termini, il beneficio viene concesso dal 1 gennaio dell'anno in corso. 4) Qualora vengano meno i requisiti fiscali necessari (soglie di reddito) il regime previdenziale agevolato cessa dall'anno successivo a quello in cui i requisiti sono venuti meno. Nel caso in cui i requisiti non siano mai esistiti, pur essendo stati dichiarati, il regime fiscale agevolato cessa ab origine e viene ripristinata l'imposizione contributiva ordinaria dallo stesso anno in cui era stata effettuata l'adesione al regime agevolato.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS