CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!
Giovedì 4 febbraio 2010

Le precisazioni dell’Inps sul lavoro occasionale di tipo accessorio

a cura di: eDotto S.r.l.
L’Inps, con la circolare n. 17 del 3 febbraio 2010, esamina le modifiche che sono state apportate alla tipologia contrattuale del lavoro occasionale di tipo accessorio da parte della legge Finanziaria 2010. L’articolo 2, commi 148 e 149 della Legge n. 191/2009, infatti, apporta alcune significative modifiche all’articolo 70 del Decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276. In particolare, viene aggiunto il seguente comma: «In via sperimentale per l’anno 2010, per prestazioni di lavoro accessorio si intendono anche le attivita' lavorative di natura occasionale rese nell’ambito di qualsiasi settore produttivo da parte di prestatori di lavoro titolari di contratti di lavoro a tempo parziale, con esclusione della possibilita' di utilizzare i buoni lavoro presso il datore di lavoro titolare del contratto a tempo parziale». E, si specifica che le attivita' di lavoro occasionale accessorio possono essere rese nell’ambito di qualsiasi settore produttivo, compresi gli enti locali, le scuole e le universita'. La circolare n. 17/2010, analizza tutte le categorie di lavoratori che possono accedere al lavoro occasionale accessorio. Si tratta degli studenti, che sono ammessi a tale tipo di lavoro anche il sabato e la domenica, oltre che nei periodi di vacanza, compatibilmente con gli impegni scolastici; i pensionati; i lavoratori part-time, ammessi in via sperimentale ad essere impiegati, nell’ambito di qualsiasi settore produttivo, in prestazioni di lavoro occasionale accessorio e, infine, anche i percettori di prestazioni integrative a sostegno del reddito, purche' dichiarino l’immediata disponibilita' al lavoro oppure ad un percorso di riqualificazione professionale. La norma specifica che quest’ultima categoria di lavoratori puo' essere identificata con i percettori di prestazioni di integrazione salariale e con i percettori di prestazioni connesse con lo stato di disoccupazione (disoccupazione ordinaria, mobilita', trattamenti speciali di disoccupazione edili). Anche per quest’anno, il limite massimo dei compensi derivanti dallo svolgimento di prestazioni di lavoro occasionale accessorio e', per singolo percettore, pari a complessivi 3.000 euro per anno solare, limite, quindi, diverso e inferiore rispetto a quello di 5.000 euro per anno solare per singolo committente stabilito in via generale ai fini dell’individuazione delle prestazioni occasionali. Altra novita' introdotta sull’argomento del lavoro occasionale di tipo accessorio da parte della Finanziaria 2010 e' che e' stato tolto ogni riferimento ai settori del commercio, turismo e servizi. Pertanto, l’impresa familiare puo' ricorrere all’utilizzo del lavoro occasionale per tutti i settori produttivi. Infine, nel 2010, anche gli enti locali diventano committenti di lavoro accessorio e possono pagare i buoni lavoro per le attivita' concernenti i “lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione di edifici, strade, parchi e monumenti”.
Fonte: http://www.inps.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS