Giovedì 21 agosto 2003

LAVORO: IL CONTRATTO A CHIAMATA

a cura di: Studio Meli S.r.l.
La categoria dell'impiego subordinato si arricchisce di un nuova tipologia di contratto: il lavoro intermittente. Si tratta di una specifica tipologia contrattuale che si inquadra nello schema del lavoro dipendente. La relazione illustrativa al decreto legislativo varato dal Consiglio dei ministri il 31 luglio scorso in attuazione della legge Biagi (la 30/03) precisa le caratteristiche del contratto. Il decreto introduce per la prima volta il lavoro intermittente (o a chiamata) nella duplice versione senza o con l'obbligo del lavoratore di rispondere alla chiamata del datore di lavoro. Il nuovo contratto può essere stipulato a tempo determinato o indeterminato. Il lavoro a chiamata può essere utilizzato per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi. L'obiettivo è quello di arginare il fenomeno del lavoro a fattura mediante l'emissione di semplici note a titolo di lavoro autonomo da parte di soggetti a cui è in realtà richiesta una prestazione lavorativa intermittente come dipendenti.
Fonte: Il Sole24ore - E. De Fusco
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS