Lunedì 29 marzo 2010

Lavori pubblici: legittima l’esclusione dalla gara per l’impresa che non ha terminato le precedenti opere

a cura di: eDotto S.r.l.
Il requisito, richiesto nel bando di una gara pubblica, attinente al compimento di una analoga opera effettuata nei 5 anni precedenti il bando stesso deve essere interpretato come riferito a lavori portati a termine. In questo senso la sentenza n. 14/2010 del Consiglio di Stato che ha ritenuto legittimo il provvedimento di esclusione determinato dalla Commissione di gara in quanto non erano sussistenti i requisiti richiesti nel bando, in particolare quello dell’esecuzione di un lavoro di importo non inferiore a nove milioni di euro effettuato da una consorziata che invece risultava frazionato (un lavoro da 5 milioni ed uno da 4) nonche' il possesso dei requisiti da due diverse consorziate anziche', come descritto nel disciplinare, da una impresa Ati. Infine il C.d.S. ha sostenuto irragionevole l’equiparazione tra “avere eseguito” e “avere in corso di esecuzione” il lavoro analogo ai fini dell’ammissione del Consorzio alla gara; infatti e' differente la situazione di un’azienda che ha portato a termine correttamente lavori di una certa entita' da quella che ne ha preso solo l’appalto od ha appena iniziato i lavori.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, p. 8 – L'opera incompleta non fa curriculum - Cusmai
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS