Venerdì 9 aprile 2010

La sospensione delle rate di mutuo e di leasing ha impatto sul bilancio d’esercizio e ricadute in nota integrativa

a cura di: eDotto S.r.l.
Al fine di favorire la continuita' dell’afflusso di credito al sistema produttivo, fornendo alle Pmi che presentano adeguate prospettive economiche, liquidita' sufficiente per superare le maggiori difficolta' e arrivare al momento della ripresa nel miglior modo possibile, l’ABI in data 3 agosto 2009, ha firmato un avviso comune per la moratoria bancaria. La moratoria prevede la possibilita' di intervenire su 4 distinte linee di azione: la sospensione delle rate di mutuo per 12 mesi; la sospensione delle rate di leasing immobiliari per 12 mesi; la sospensione delle rate dei leasing strumentali per 6 mesi; l’allungamento delle formule di auto liquidante (finanziamenti a breve) fino a 270 giorni. Le imprese che hanno beneficiato di questo periodo di sospensione, durante il quale le banche non possono attuare il recupero dei crediti sospesi, devono ora tenerne in giusta considerazione in sede di chiusura del bilancio d’esercizio. Nel caso piu' semplice del mutuo bancario non si hanno impatti diretti sul Conto economico e neanche risvolti fiscali. Sullo Stato patrimoniale, invece, si registrera' un incremento del debito residuo a fine periodo. Diversa e' la situazione nel caso di leasing mobiliare. La dilazione, in questo caso, e' di sei mesi. Di conseguenza, le imprese che hanno usufruito della moratoria nel 2009 devono tenerne conto nel bilancio d’esercizio con ricadute nella nota integrativa ed eventualmente anche nella relazione sulla gestione. Le conseguenze di tale azione sono visibili sia nel Conto economico che nello Stato patrimoniale: la sospensione riduce il costo del canone di leasing con riflessi sull’utile d’esercizio e si amplia, di conseguenza, anche la base imponibile fiscale. Inoltre, la moratoria produce riflessi anche nella determinazione dei conti d’ordine per cio' che riguarda il debito residuo sui contratti di leasing (la traslazione fa emergere le rate sospese dopo la scadenza dell’ultima rata originaria). In nota integrativa, poi, ai sensi dell’articolo 2427 del Codice civile, si devono indicare i debiti di durata residua superiore a cinque anni, con indicazione delle relative garanzie. A tal proposito, si deve ricordare che per effetto della moratoria, il piano di ammortamento subisce un allungamento portando molti mutui a superare il termine quinquennale (inizialmente rispettato). Analogamente, il prospetto di leasing da inserire in nota integrativa deve contenere l’indicazione della moratoria goduta. Nella relazione sulla gestione, invece, si devono riportare informazioni sul rischio finanziario e sulla liquidita'.
Fonte: http://www.abi.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS