Venerdì 30 luglio 2010

La nullita' dell'ordinanza di revoca della sospensione del processo si estende alla sentenza

a cura di: eDotto S.r.l.
E' stata annullata, con rinvio, da parte dei giudici di legittimita' – sentenza n. 29936 del 29 luglio 2010 – la decisione di condanna all'ergastolo impartita dalla Corte di Assise d'appello di Palermo nei confronti di un uomo imputato per duplice omicidio volontario. 
La difesa di quest'ultimo, in particolare, aveva lamentato che l'ordinanza di revoca della sospensione del processo per incapacita' dell'imputato fosse stata affetta da nullita' per il fatto che i giudici di merito, una volta disposta la perizia psichiatrica sull'uomo, avevano acquisito la relazione peritale senza fissare udienza per l'esame orale, cosi' come prescritto dall'articolo 501 del Codice di procedura penale; per il ricorrente, in particolare, era stato violato il diritto della difesa di assistere e partecipare alla formazione della prova nel contraddittorio delle parti. 
Sul punto la Cassazione ha precisato “le prove assunte dal giudice nella fase di giudizio, pur se prima dell'apertura del dibattimento, devono rispettare le regole stabilite per l'istruzione dibattimentale. Quindi la capacita' dell'imputato di stare in processo deve essere accertata mediante perizia assunta osservando le forme previste per il dibattimento, anche nell'ipotesi in cui l'accertamento avvenga prima dell'apertura del dibattimento". Ed infatti, l'articolo 467 del del codice processuale penale, “attribuisce al giudice il potere di disporre, nella fase degli atti preliminari al dibattimento, l'assunzione di prove “indifferibili”, tra le quali puo' benissimo ricomprendersi la perizia destinata ad accertare la capacita' dell'imputato di partecipare coscientemente al processo”; e tale assunzione deve avvenire osservando le forme previste per il dibattimento. 
Nel caso concreto – si legge nel testo della decisione – a causa della mancata instaurazione del contraddittorio e della correlativa lesione del diritto di difesa, l'ordinanza di revoca della sospensione era da considerare come affetta da nullita' che, tempestivamente dedotta, si estende alla sentenza “quale atto consecutivo dipendente da quello dichiarato nullo”.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA N. 29936 DEL 29 LUGLIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS