Giovedì 8 dicembre 2011

La manovra mette le manette a chi dice il falso

a cura di: eDotto S.r.l.
Il reato penale di chi, rispondendo al Fisco, produce atti o documenti falsi, anche parzialmente, o fornisce dati e notizie non rispondenti al vero è equiparato a quello della falsità nelle autocertificazioni e sconta la reclusione (articolo 76 del Dpr 445/2000). Manca, tuttavia, un contorno definito in merito. Così, le ricadute nell’illecito sono possibili nell’ambito dell'intera attività di controllo: dai questionari inviati al contribuente, alle richieste in sede di verifica.

Sempre nell’ambito della lotta all’evasione, stringenti sono le misure previste sui conti correnti e sui rapporti banca-cliente in generale. Ad essere visibili al Fisco tutte le movimentazioni dei conti e non con relativo importo. Saranno riversate periodicamente nell'Anagrafe tributaria dal 1° gennaio 2012 dagli operatori finanziari. Una novità è che i dati dei conti correnti potranno servire al Fisco oltre che per i controlli anche per l'individuazione dei contribuenti da accertare. Dunque, è ribaltato il sistema dei controlli sulle movimentazioni, dal momento che finora la richiesta di informazioni - peraltro su determinati anni - partiva solo dopo aver individuato la probabile evasione.

Anche l’Inps provvederà ad arricchire le informazioni a disposizione del Fisco con i dati relativi alle posizioni di chi beneficia di prestazioni socio-assistenziali.

Intanto, sulla Manovra di Monti è stata diffusa un’analisi compiuta dall’ufficio studi del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili. Nel 2012 la pressione fiscale sarà al 45,54% con un aumento progressivo che vedrà nel 2014 sfiorare quota 47%. Claudio Siciliotti, presidente del Cndcec, commenta: “Se non torniamo a crescere ad un tasso nominale di almeno il 2-3% annuo soffocheremo il Paese sotto il peso di una pressione fiscale che farà fuggire all’estero tutto quello che potrà fuggire: imprese, talenti individuali, patrimoni finanziari. D’altro canto, se oggi non sistemiamo i conti con ricette dolorose, ma indubbiamente concrete come quelle da ultimo adottate dal governo Monti, non torneremo a crescere per il semplice fatto che non avremo alcun futuro... diventa un imperativo morale, prima che giuridico, destinare i proventi dalla lotta all’evasione anziché alla riduzione del deficit, esclusivamente all’abbattimento della pressione fiscale”.
Fonte: http://www.fiscooggi.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS