Domenica 26 giugno 2005

LA FUSIONE E LA SOSPENSIONE FERIALE

a cura di: Studio Meli S.r.l.
E' stata pubblicata la massima sul computo del termine per l'opposizione alla fusione o alla scissione, sospensione feriale dei termini e ricevibilità dell'atto (art. 2503 Codice civile), redatta dalla Commissione per l'elaborazione di principi uniformi in tema di società del Consiglio Notarile di Milano. Decorsi 60 giorni dall'ultima iscrizione presso il Registro delle imprese delle relative delibere, l'atto di fusione (o di scissione) può essere ricevuto, e quindi depositato per l'iscrizione, pur non essendo trascorso l'ulteriore periodo di cui il termine per l'opposizione dei creditori sarebbe maggiorato in caso di applicazione della sospensione feriale. La massima intende chiarire che, allo stato, la dibattuta questione dell'applicazione della sospensione feriale prevista dalla legge 7 ottobre 1969 n. 742 al termine previsto dall'articolo 2503 Codice civile non può considerarsi ostativa alla ricevibilità dell'atto, da parte del notaio. La tesi dell'applicazione della sospensione feriale al periodo di due mesi (ora 60 giorni) di cui al predetto articolo 2503 è stata indicata al Registro delle Imprese di Milano dal Giudice del Registro medesimo, con direttiva in data 5 luglio 2000.
Fonte: Il Sole 24 Ore - 23 giugno 2005 -
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS