Giovedì 4 novembre 2010

La Fondazione Studi ripercorre le novita' del contratto a tempo determinato alla luce delle recenti modifiche normative

a cura di: eDotto S.r.l.
Alla luce del “Collegato lavoro” - approvato in via definitiva dalla Camera lo scorso 19 ottobre 2010 - la Fondazione studi del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro ha emanato, in data 3 novembre, il principio n. 16, in cui si riepilogano tutte le novita' in materia di contratto di lavoro a tempo determinato. Il principio va ad integrare quanto gia' specificato con precedente principio n. 11/2008, che rimane comunque valido per l’inquadramento generale e gli approfondimenti relativi al tema in argomento. In particolare, l’articolo 32 del Collegato lavoro ha apportato significative innovazioni alla regolamentazione che riguarda l’impugnativa del licenziamento. Nel documento, la Fondazione studi ne riprende gli aspetti peculiari, ribadendo che il lavoratore deve impugnare il licenziamento, a pena di decadenza, “entro sessanta giorni dalla ricezione della sua comunicazione, ovvero dalla comunicazione dei motivi, ove non contestuale, con qualsiasi atto scritto, anche extragiudiziale, idoneo a rendere nota la volonta' del lavoratore anche attraverso l'intervento dell'organizzazione sindacale diretto ad impugnare il licenziamento stesso. L'impugnazione e' inefficace se non e' seguita, entro il successivo termine di duecentosettanta giorni, dal deposito del ricorso nella cancelleria del tribunale in funzione di giudice del lavoro o dalla comunicazione alla controparte della richiesta di tentativo di conciliazione o arbitrato. Qualora la conciliazione o l'arbitrato richiesti siano rifiutati o non sia raggiunto l'accordo necessario al relativo espletamento, il ricorso al giudice deve essere depositato a pena di decadenza entro sessanta giorni dal rifiuto o dal mancato accordo”. Si sottolinea, inoltre, che la procedura di impugnazione e' estesa ai contratti a termine in essere alla data di entrata in vigore del Collegato, con decorrenza per l’impugnativa dalla scadenza del termine. La stessa prassi e' prevista, inoltre, anche per i contratti a tempo determinato stipulati ai sensi di precedenti norme e gia' cessati alla data di entrata in vigore del collegato; in questa ulteriore circostanza i 60 giorni per l’impugnativa decorrono dalla data di entrata in vigore della legge in esame. E’ prevista, infine, un’indennita' risarcitoria da corrispondere nei casi di conversione del rapporto di lavoro a termine in contratto a tempo indeterminato. La misura che il lavoratore ha diritto a ricevere e' pari a un’indennita' onnicomprensiva, che varia tra un minimo di 2,5 ed un massimo di 12 mensilita' dell'ultima retribuzione globale di fatto. Nell’individuare la somma risarcitoria, il giudice deve tenere conto del numero dei dipendenti dell’azienda, delle sue dimensioni, dell'anzianita' di servizio del lavoratore oltre che del comportamento e delle condizioni delle parti. Tale indennita' si puo' considerare sostitutiva della retribuzione eventualmente maturata dal lavoratore, nel periodo intercorrente tra la cessazione del rapporto e la riammissione in servizio, fermo restando che il rapporto si converte a tempo indeterminato.
Fonte: consulentidellavoro.it - Fondazione studi - principio n. 16 del 3 novembre 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report