Venerdì 28 novembre 2014

L'aliquota della gestione separata INPS è insostenibile: appello dei Consulenti di Management al Ministro del Lavoro

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
L’APCO, Associazione Professionale Italiana Consulenti di Management, lancia un appello al Ministro del Lavoro Giuliano Poletti affinché si intervenga al più presto per riconsiderare tutta la materia previdenziale relativa alle partite IVA e ai professionisti “senza Cassa” in termini organici, ma soprattutto che “sia bloccato l’ingiustificato aumento annuale dell’aliquota”.

Ricordiamo che la Legge di Stabilità 2014 (L. 27 dicembre 2013, n. 147) ha introdotto nuove aliquote contributive per i soggetti iscritti alla gestione separata:

  • lavoratori autonomi iscritti in via esclusiva alla gestione separata, non pensionati: aliquota 2014 del 27% + 0,72% per maternità, assegni familiari, malattia e degenza ospedaliera;
  • non titolari di Partita IVA e non assicurati presso altra gestione obbligatoria né pensionati: aliquota 2014 del 28% + 0,72%;
  • titolari di pensione diretta o indiretta e soggetti senza altra forma pensionistica obbligatoria: aliquota 22%.

L’aliquota per gli iscritti non assicurati presso altre gestioni obbligatorie salirà:

  • al 30% per il 2015,
  • al 31% per il 2016,
  • al 32% per il 2017,
  • al 33% per il 2018.

Per gli altri iscritti salirà invece:

  • al 23,5% per il 2015
  • al 24% per il 2016.

Oggi infatti l’aliquota previdenziale a carico è del 27,5%, che pare destinata ad aumentare ulteriormente, il tutto per un welfare sostanzialmente inesistente.

Se prima di questa lunga crisi il lavoro ci aveva comunque sostenuto, oggi queste aliquote sono insostenibili.

Per questo APCO ha inviato una lettera al Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, e per conoscenza ai Presidenti di Camera e Senato, invitando a considerare con urgenza che la discussione in corso sulla riforma del lavoro affronti questa grave disparità, suggerendo come provvedimento immediato il blocco dell’evoluzione ulteriore verso l'alto delle aliquote.

“Mentre si attende, e ci si augura che l’attesa sia breve, che venga riconsiderata tutta la materia previdenziale relativa alle partite IVA e ai professionisti non ordinisti in termini organici, è indispensabile che ancora una volta sia bloccato l’ingiustificato aumento annuale dell’aliquota - ha dichiarato il Presidente di APCO Giuseppe Bruni - Siamo a disposizione, assieme al CoLAP cui APCO aderisce, per collaborare attivamente ad una riconsiderazione più equa dell’assetto previdenziale delle citate categorie di professionisti”.

È importante ricordare come l'appello di APCO faccia proprio riferimento anche all'emendamento alla Legge di Stabilità che il CoLAP (il coordinamento delle libere associazioni professionali) ha recentemente presentato e che qui per completezza di informazione alleghiamo.


DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS