Lunedì 12 ottobre 2009

Il vincolo di subordinazione qualifica il contratto di lavoro dipendente

a cura di: eDotto S.r.l.
Ai fini della corretta qualificazione di un lavoratore come “lavoratore dipendente” e' necessario verificare la subordinazione di quest’ultimo. Non e', infatti, sufficiente per le parti stabilire nel contratto se il lavoro sia da svolgere in forma autonoma o in forma subordinata, se poi in effetti il reale svolgimento del lavoro e' difforme dalla formale veste contrattuale adottata. Come emerso, piu' volte, nelle pronunce della Corte di Cassazione, infatti, non e' il nomen iuris scelto dalle parti che identifica un contratto, ma si deve appurare il reale svolgimento dell’attivita' lavorativa svolta. Anche nella recente sentenza n. 24054/2009, la Suprema Corte ribadisce questo principio, stabilendo che e' l’unico punto fermo per verificare “di fatto” il rapporto sussistente tra datore di lavoro e lavoratore. E' a tutti noto, che gli elementi caratterizzanti il rapporto di lavoro sono: la retribuzione, la collaborazione e la subordinazione. Mentre i primi due elementi possono essere presenti in varie forme contrattuali (si veda la collaborazione coordinata e continuativa), il requisito della subordinazione e' quello che piu' di tutti caratterizza il lavoro dipendente. Cioe', la subordinazione e' il requisito decisivo per inquadrare un contratto di lavoro come subordinato. Tutto cio' non e', pero', chiaro dal punto di vista legislativo e di fatto ha alimentato numerose prese di posizioni da parte dei giudici, che caso per caso sono stati chiamati a verificare la presenza del citato requisito. Dalle diverse pronunce della Cassazione sull’argomento e' emerso che: - la subordinazione consiste nell’assoggettamento del lavoratore al potere direttivo, organizzativo e gerarchico del datore di lavoro (sentenza n. 6919/1994); - la distinzione tra collaborazione e subordinazione si identifica nell’inserimento del lavoratore nell’organizzazione dell’impresa in modo continuativo e sistematico sotto il controllo del datore di lavoro (sentenza n. 6086/1991 e 7608/1991). Ma, anche piu' di recente, la Cassazione (sentenza n. 11937/2009) ha ribadito che nonostante sia di fondamentale importanza atrribuire rilevanza alla collaborazione, all’orario determinato, alla continuita', all’inserimento della prestazione nell’organizzazione aziendale, l’elemento che discrimina il rapporto di lavoro subordinato dal lavoro auotonomo resta sempre la subordinazione.
Fonte: Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, p. 7 – L’identikit del dipendente – a cura di Bradaschia, Buscema
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali