Martedì 12 gennaio 2010

Il nuovo regime Iva appesantisce i contenuto degli elenchi riepilogativi

a cura di: eDotto S.r.l.
L’atteso momento della definitiva entrata in vigore delle nuove norme Iva sui servizi comunitari e' arrivato. Il 1° gennaio 2010 e' la data ufficiale di partenza del nuovo regime, che e' arrivato non senza difficolta' per i singoli Paesi, che gia' da due anni a questa parte si stavano adoperando per il recepimento nei rispettivi ordinamenti interni delle disposizioni comunitarie (Direttive UE nn. 8, 9 e 117). In Italia manca ancora il decreto legislativo di recepimento delle suddette direttive comunitarie, con l’inevitabile conseguenza che la partenza della nuova disciplina Iva e' avvenuta in modo zoppicante e non senza polemiche. Con il decreto legislativo – previsto in uno dei prossimi consigli dei ministri – dovrebbero essere riviste, tra le altre cose, le modalita' di presentazione relative agli elenchi Intrastat. Inoltre, si prevede l’obbligo di estendere la dichiarazione Intra alle prestazioni di servizi scambiate, anche occasionalmente, tra soggetti comunitari. I punti piu' problematici per le imprese italiane riguardano l’invio mensile dei nuovi elenchi riepilogativi Iva. Due sembrano essere le maggiori problematicita': - la riduzione dei termini di presentazione degli elenchi rinnovati al 19 di ogni mese, invece del giorno 25 valido fino ad oggi e previsto in caso di invio telematico; - i contenuti dei nuovi elenchi riepilogativi che diventano molto piu' dettagliati soprattutto per cio' che riguarda i servizi comunitari. In Italia si presume che verranno adottati degli intercalari specifici (modelli Intra-quater e Intra-quinques) che verranno adottati sia per i servizi prestati che per quelli ricevuti. In alcuni Paesi, quest’ultimi non vanno specificati. La versione piu' recente delle bozze dei modelli Iva (quella di fine dicembre) presenta delle novita' importanti rispetto alla versione divulgata a fine ottobre 2009. Il modello Iva 2010, per il 2009, aggiornato a dicembre scorso, non presenta piu' l’iniziale distinzione tra la parte del credito Iva dell’anno 2009 da usare in compensazione e la parte del credito Iva da usare in detrazione. L’iniziale distinzione tra i righi VX4 “importo di cui si richiede il rimborso” e VX5 “importo da riportare in detrazione o in compensazione” viene eliminata. Nell’ultima versione delle bozze, il rigo VX5 richiede l’indicazione di un solo importo. In questo modo, non si richiedera' piu' al contribuente – gia' in sede di compilazione della dichiarazione annuale – di scegliere la parte del credito da usare in detrazione con le liquidazioni “Iva da Iva” e la parte da usare in compensazione con i versamento mediante modello F24. La motivazione risiede nel fatto di voler togliere i contribuenti dal pericolo di errori in cui si sarebbero trovati qualora avessero voluto separare l’importo Iva a credito e metterli al riparo dal rischio di sanzioni per eventuali errate valutazioni. La versione “aggiornata” delle bozze conferma, invece, una novita' del 2010: e' possibile per il contribuente non comprendere la dichiarazione annuale Iva in quella unificata, mediante modello Unico. Pertanto, il modello Iva 2010 potra' essere presentato dal 1° febbraio al 30 settembre 2010, data in cui scade il termine sia per la dichiarazione Iva in via autonoma, che di quella unificata (dichiarazione dei redditi e Iva insieme).
Fonte: http://www.agenziadogane.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS