Lunedì 16 novembre 2009

Il nuovo processo affossa la legge Pinto

a cura di: eDotto S.r.l.
Il disegno di legge presentato al Senato che prevede una durata limitata per i processi, penali, civili, amministrativi, comportera' effetti dirompenti anche per la legge Pinto. Il provvedimento ha ridisegnato i tempi in cui devono svolgersi i processi, oltre i quali le cause saranno considerate di durata irragionevole; pertanto solo dopo il trascorrere di questo periodo le parti potranno richiedere l’equo indennizzo. Il processo avra' un tempo limite di due anni per ogni grado di giudizio, quindi 6 anni, che puo' aumentare di un anno se avviene il rinvio da parte della Corte di cassazione; inoltre i termini potranno subire un ulteriore aumento pari alla meta' da parte dell’autorita' giudiziaria. Il Ddl fissa con precisione il momento iniziale in cui il processo puo' considerarsi iniziato: l’udienza di comparizione fissata nell’atto di citazione per la lite civile; la data di deposito dell’istanza di fissazione dell’udienza per le liti societarie; il giorno del deposito del ricorso introduttivo per la lite amministrativa; il rinvio a giudizio nel caso di processo penale. Ma le novita' non terminano qui, introducendo il suddetto Ddl, un importante adempimento a carico della parte la quale, per non incorrere nella sanzione di dover rinunciare alla richiesta di indennizzo per durata eccessiva del processo, sara' tenuta 6 prima della scadenza del termine considerato dal Ddl ragionevole, a presentare un’istanza di sollecito, contenente la richiesta che la causa sia definita al piu' presto, al magistrato. Mancando tale istanza si considera la parte non piu' interessata alla vicenda giudiziaria con rigetto di qualsiasi eventuale domanda di risarcimento di indennizzo per irragionevole durata del processo. A seguito della presentazione di questa istanza dovra' iniziare una corsia preferenziale presso l’ufficio del giudice presso cui staziona la causa il cui compito sara' di arrivare alla definizione della causa entro i successivi 6 mesi, con un consistente aggravio per il carico di lavoro delle aule giudiziarie. Altra considerazione che non mette in buona luce il nuovo impianto normativo e' il mancato rispetto delle indicazioni fornite dalla Corte europea dei diritti dell’uomo prima fra tutte quella che nel calcolo dei tempi processuali non tiene conto della fase di esecuzione della pronuncia che, a parere della Corte, va considerata parte del processo.
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 3 – Processi lunghi, rimborsi in bilico – Candidi, Negri
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report