Lunedì 12 ottobre 2009

Il Consiglio di stato rafforza la regola dell'Incompatibilita' del ruolo di professionista col ruolo di giudice tributario

a cura di: eDotto S.r.l.
L’incompatibilita' col ruolo del giudice tributario mette a rischio il professionista. Devono temere principalmente gli avvocati, primi sui commercialisti. Pure i notai, i ragionieri o i periti commerciali che esercitino “in qualsiasi forma, anche se in modo saltuario o accessorio ad altra prestazione, la consulenza tributaria, ovvero l’assistenza e la rappresentanza di contribuenti nei confronti dell’amministrazione finanziaria” (dlgs n. 545/92, articolo 8, lettera i). Se hanno il doppio incarico, le porte delle aule della giustizia tributaria possono dunque chiudersi, non solo per una piccola consulenza prestata ad un contribuente direttamente dal professionista ma anche quando l’aiutino e' offerto da “coloro che sono coniugi o parenti fino al secondo grado o affini in primo grado” (sempre dlgs n. 545/92, articolo 8, lettera i) nella medesima provincia in cui si svolge il ruolo di magistrato tributario. Il Consiglio di Stato, con la recente sentenza n. 5842 (28 settembre 2009), rafforza la regola del ‘92, che e' automatica e non ammette eccezioni.
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 9 – A rischio un giudice fiscale su tre – Candidi e Trovati
Altri utenti hanno acquistato

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS