Martedì 6 novembre 2012

Gli operai che scioperano per evitare l’esposizione all’amianto conservano lo stipendio

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con sentenza n. 18921 del 5 novembre 2012, nel respingere il ricorso di Rete Ferroviaria italiana spa, chiarisce che è legittimo che i dipendenti scioperino per la presenza di amianto nell’azienda, anche se si rifiutano di lavorare dopo aver timbrato i cartellini. Pertanto, l’azienda non può sospendere a tali lavoratori il pagamento dello stipendio.

Nel caso di specie, gli operai si astenevano dal lavoro perché esposti alle polveri di amianto, in quanto impiegati in operazioni di rimozione - bonifica - della sostanza nei vagoni. Lo sciopero si protrasse per un mese, non pagato dall’azienda.

Il medico del lavoro e l’ufficiale sanitario delle Ferrovie accertarono l’insalubrità delle condizioni di lavoro.

La Corte ha ritenuto giustificata la reazione degli operai di fronte “all'altrui inadempimento”. Non rileva, poi, il fatto che dopo la timbratura i lavoratori si fossero trattenuti nelle vicinanze, senza recarsi ai singoli reparti ma neppure allontanandosi dall'officina.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali