Lunedì 19 settembre 2011

Con la Manovra correttiva lo sfruttamento di lavoro diventa reato penale

a cura di: eDotto S.r.l.
La manovra di Ferragosto ha istituito il reato di caporalato tra i reati contro la libertà individuale del lavoratore, mettendo a disposizione di quest’ultimo uno strumento di reazione finora non contemplato nel nostro ordinamento.

È stato, infatti, introdotto nel Codice penale il nuovo articolo 603-bis, che a tutela del reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro punisce con la reclusione da cinque a otto anni e con la multa da 1.000 a 2.000 euro per ciascun lavoratore impiegato, chiunque svolga un’attività organizzata di intermediazione, reclutando manodopera o organizzandone l’attività lavorativa caratterizzata da sfruttamento mediante violenza, minaccia o intimidazione, approfittando dello stato di bisogno o di necessità del lavoratore.

Affinchè si possa parlare di sfruttamento è, però, necessario che ricorra almeno uno dei quattro indici previsti dal codice penale:

- una retribuzione sistematica del lavoratore inferiore ai minimi previsti dalla contrattazione collettiva;
- il non rispetto dell’orario del lavoro e dell’aspettativa obbligatoria;
- la violazione delle norma in materia di sicurezza del lavoro con rischio di pericolo per la salute del lavoratore;
- la ricorrenza di condizioni di lavoro, metodi di sorveglianza o sistemazioni particolarmente degradanti.

Per l’aggravamento del reato è necessario il fatto che il numero dei lavoratori impiegati in tal modo sia superiore a tre; che almeno uno di questi soggetti sia minore in età non lavorativa e che i lavoratori intermediati siano stati sottoposti a situazioni di grave pericolo. In tali circostanze, le pene possono essere aumentate da un terzo fino alla metà.

Inoltre, la Manovra introduce anche l’articolo 603-ter del codice penale, che prevede pene accessorie come l’interdizione dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese, il divieto di concludere contratti con la P.a., l’esclusione per due anni da agevolazioni e contributi statali e di enti pubblici.

Le nuove disposizioni si applicano ai rapporti di lavoro instaurati dal 13 agosto 2011, in cui è evidente la condotta illecita nei confronti dei lavoratori e cioè: che vi sia uno stato di sfruttamento del soggetto, che sia stata utilizzata minaccia o intimidazione o che si sia approfittato dello stato di bisogno del lavoratore.
Fonte: http://rassegna.lavoro.gov.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali