Venerdì 15 ottobre 2004

AVVIO LENTO PER IL CONTRATTO A CHIAMATA

a cura di: Studio Meli S.r.l.
Con il decreto legislativo 251/2004, aumentano le possibilità per le aziende di stipulare da subito un contratto a chiamata. Ma i Centri per l’impiego, Inps e Inail rimangano privi di istruzioni operative da parte del Welfare. Nasce quindi un problema generale su come gestire questo rapporto di lavoro che rappresenta una delle novità più interessanti della riforma Biagi. Dopo l’approvazione del decreto legislativo 276/03 con riferimento alle possibilità di stipulare il lavoro intermittente è già intervenuto il Welfare il quale ha fatto presente che le aziende possono avvalersi del contratto secondo le previsioni di cui all’art. 37 in modo autonomo. Le aziende, a prescindere dall’età anagrafica dei lavoratori interessati, nei periodi anzidetti possono da subito avvalersi del job-on-call. Si ritiene, tuttavia, che il contratto stipulato in questi periodi deve prevedere l’obbligo da parte del lavoratore di rispondere alla chiamata e la relativa indennità di disponibilità (Dm 10 marzo 2004) va riconosciuta in aggiunta al trattamento economico calcolato in ragione delle ore effettivamente svolte.
Fonte: Il Sole-24 Ore - Enzo De Fusco
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS