Giovedì 29 luglio 2010

Avvio della fase di sperimentazione per le aziende che operano con il sistema UniEmens

a cura di: eDotto S.r.l.
Prosegue l’azione di semplificazione che mette direttamente il contribuente a contatto con l’Ente previdenziale. Tra le modalita' di accesso ai servizi dell’Istituto e' stata realizzata, in ambiente WEB, un’applicazione che consente di richiedere on-line, con modalita' dilazionata breve, il versamento dei contributi dovuti mensilmente e per i quali non siano ancora state avviate le attivita' ordinarie di recupero del credito. A renderlo noto e' lo stesso Inps, con messaggio n. 19684 del 28 luglio 2010. Questa nuova modalita' di pagamento e' riservata alle sole aziende con dipendenti e riguarda l’importo dei contributi in scadenza al 16 del mese per i quali l’UniEMmens deve essere presentato entro la fine dello stesso mese. Con la nuova applicazione in ambiente Web e' possibile l'inserimento manuale dell'importo corrispondente al saldo dei contributi non versati, alla prevista scadenza, con il modello F24, e per il quale viene richiesto il pagamento dilazionato. L’Istituto previdenziale detta, cosi', le condizioni necessarie per utilizzare la nuova modalita' di pagamento. L’accesso alla modalita' di pagamento tramite il piano di rientro, potra' essere utilizzata per un massimo di due volte nel corso dell’anno solare e per un totale complessivo di quattro denunce mensili. Ciascuna domanda potra' comprendere, oltre l’importo relativo al versamento in scadenza, anche quelli relativi ai mesi precedenti. La dilazione potra' essere richiesta per un numero massimo di sei rate ed il relativo pagamento deve concludersi entro la fine dell’anno solare. La rata mensile, composta da una quota di contributi, sanzioni ove dovute e interessi di dilazione, dovra' essere di importo non inferiore a 100,00 euro diversamente, l’applicazione ne dara' segnalazione a video, con apposito messaggio, e il contribuente dovra' modificare il numero delle rate proposte. Il pagamento dovra' essere effettuato tramite il modello F24, utilizzando la causale contributo “PRCA” denominata “Aziende DM – Dilazione on line”. Con il messaggio n. 19685/2010, l’Inps - sentito il ministero del Lavoro - afferma che l’azienda puo' riconoscere ai propri dipendenti un'indennita' di trasferta di importo superiore al limite di esenzione contributiva, pagando ovviamente i dovuti contributi sulla quota eccedente. Il quesito era stato posto direttamente al Dicastero, il quale si era espresso nella riposta del 2 aprile 2010 in senso favorevole, riconoscendo possibile il realizzarsi della fattispecie presentata. La motivazione era attribuita al fatto che una indennita' di trasferta stabilita in misura superiore a quella prevista dalla contrattazione collettiva si configura come una “deroga in melius” e, quindi, tale da ritenersi ammissibile. Al riguardo, l’Inps, con il messaggio in oggetto, precisa che l'importo della predetta indennita' non deve comunque superare i limiti di cui all'art. 51 comma 5, del Tuir, diversamente la quota eccedente deve essere assoggettata a contribuzione, e l'accordo aziendale deve essere stato regolarmente depositato presso gli enti preposti (art. 3, commi 1 e 2 della legge n. 402/1996).
Fonte: http://www.inps.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report